SCELTA CIVICA
ITALIANI
PER PASSIONE
2xmille

Sostieni Scelta Civica, non ti costa nulla.

SCELTA CIVICA ha contribuito all'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti ritenendo giusto che ciascun cittadino decida con una scelta volontaria a chi destinare il proprio 2xmille fra quei partiti che hanno dimostrato democraticità interna e trasparenza.
cos’è
il 2xmille
Dal 2014, ai soli partiti politici che abbiano dimostrato di possedere requisiti di democrazia interna e trasparenza ogni anno può essere destinato un importo pari al 2xmille dell’imposta IRPEF netta di tutti i contribuenti che avranno espresso la scelta di destinazione in loro favore. Ogni contribuente può scegliere di destinare il proprio 2xmille in favore di un solo partito politico; il 2xmille di coloro che non esercitano alcuna scelta rimane all’Erario.
perchè
dare il 2xmille
SCELTA CIVICA ha contribuito all’approvazione della legge che abolisce il finanziamento pubblico ai partiti perché crede che ogni cittadino debba liberamente scegliere se e come sostenere il partito politico in cui si riconosce, aiutandolo – se ritiene – a proseguire l’attività.
come si dona
il 2xmille a scelta civica

E’ sufficiente compilare l’apposito riquadro “Scelta per la destinazione del due per mille dell’IRPEF” contenuto nel Modello 730/2016 o UNICO Persone Fisiche/2016 (nella scheda dedicata alle scelte 8xmille, 5xmille e 2xmille), apponendo la propria firma e indicando il codice identificativo assegnato a SCELTA CIVICA: T24.

Anche i contribuenti esonerati dall’obbligo di presentazione della dichiarazione che hanno ricevuto il modello CU – Certificazione Unica 2016 possono destinare il proprio 2xmille in favore di Scelta Civica, apponendo la propria firma e indicando il codice T24 sulla scheda dedicata alle scelte 8xmille, 5xmille e 2xmille ricevuta insieme al modello CU.

Fino a quando
SI PUÒ

La scheda fa parte del Mod. 730/2016 e del Mod. Unico- Persone Fisiche 2016: è quindi possibile esprimere la scelta di destinazione del proprio 2xmille fino alla data ultima per la presentazione dei modelli.

Per i contribuenti che hanno ricevuto il modello CU/2016, la scheda compilata va inserita in una normale busta bianca di corrispondenza, sigillata e contrassegnata sui lembi di chiusura dal contribuente, e deve essere trasmessa dal contribuente all’Agenzia delle Entrate entro il 30 settembre 2016 con le seguenti modalità alternative e del tutto gratuite:

  • Consegna allo sportello di un ufficio postale (non ci sono spese);
  • Consegna ad un sostituto d’imposta che presta assistenza fiscale (CAF o professionista abilitato).
In alternativa, ciascun contribuente – se in possesso del pin code – può trasmettere la scheda direttamente, utilizzando il software fornito gratuitamente dall’Agenzia delle Entrate, mediante il canale telematico diretto.
CHI PUO’
ESERCITARE LA SCELTA

Tutti i contribuenti, sia quelli tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. 730/2016 o Mod. UNICO Persone Fisiche 2016), sia quelli che, pur se titolari di redditi (ad esempio: hanno ricevuto il CU/2016 per l’anno 2015) sono esonerati dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi. In caso di dichiarazione congiunta, ciascun contribuente esercita la propria scelta di destinazione se e in favore di chi desidera.

SCRIVICI per richiedere info veloci sul 2xmille
Newsletter
Nome
Cognome
Email
CAP
Uomo
Donna
Scelta Civica
in Parlamento